IC UDINE 2

Valussi: Boccaccio 10+

Print Friendly, PDF & Email

Le classi IIE e IIF si sono lodevolmente esibite sia durante lo spettacolo del 7 maggio presso l’Auditorium Valussi, sia il 15 allo Zanon per il progetto ‘Teatro dieci più’.

Bravi i nostri attori!

La sera del 7 maggio, in auditorium, le classi IIE e IIF,  a conclusione del percorso teatrale annuale, si sono esibite in una rappresentazione ispirata a due novelle di  Giovanni Boccaccio: la prima, “Chichibio e la gru”, interpretata dalla  IIF, e la seconda, “Fra’ Cipolla”, dalla IIE. Il  lavoro di preparazione è stato svolto separatamente, ma, come programmato a inizio anno scolastico, la rappresentazione si è effettuata  nella stessa serata, in quanto ispirata agli  stessi motivi conduttori,  “l’arguzia”, “l’astuzia”, “la bugia” messe al servizio del proprio tornaconto.  Le due classi protagoniste dello spettacolo sono del tempo prolungato.

Il grande momento era ormai arrivato: le porte dell’auditorium  ancora chiuse, ma, a breve, si sarebbero  aperte per permettere a  genitori, parenti, amici di assistere allo  spettacolo.

Noi alunni eravamo ormai pronti, si usa dire così,  ma volentieri avremmo aspettato ancora un po’: una battuta sembra sempre scappare dalla memoria, il costume, forse, non è stato indossato come di dovere,  il tono della voce non sembra facilmente regolabile, troppo alto o troppo basso, insomma i timori dell’ultima ora non mancavano proprio.

Eravamo tutti seduti, chi zitto con lo sguardo perso nel vuoto, chi con  la testa vuota, chi un po’ troppo vivace, chi, per fortuna non mancava anche quello, sereno e sicuro del fatto suo.

E’ entrato il pubblico e la professoressa Nassimbeni, affiancata dalle due professoresse Pegoraro e Nicolella ha fatto una breve presentazione. E’ stato piacevole sapere che l’intero allestimento del lavoro teatrale è avvenuto in famiglia: i costumi, di cui non sapevamo la provenienza, sono stati preparati tutti dalla mamma della professoressa Nassimbeni, che ha ricevuto gli applausi di tutti i presenti.

A questo punto è iniziato lo spettacolo.

Si è esibita per prima la IIF: che dire? E’ andata proprio bene: il pubblico ha ripetutamente applaudito ed espresso entusiasmo e approvazione.

Turno della IIE. Inizio con processione, canti, definiamoli “ celestiali” e doverosa presenza di  “prete” e “chierichetti”. Chiusura con tanto di benedizione. Chissà che porti bene per l’esito dell’anno scolastico!

Insomma è andata bene e adesso ci aspetta l’altro impegno: il 15 maggio daremo lo stesso spettacolo, con il progetto “teatro dieci più”, all’auditorium dello Zanon.

 IIE